Archivi tag: staino

SERGIO #STAINOSERENO

L’Unità muore lentamente, malinconicamente, abbandonata invenduta sui marciapiedi vicino alle edicole, o davanti ai cancelli della Leopolda. Non c’è posto sul mercato, per un giornale che prima di aver perso i lettori ha perduto le idee, svuotato di ogni linfa da un Partito Democratico diventato una macchina da retweet. Non c’è posto per le critiche, dove le critiche non sono ammesse, non c’è posto per riflettere sulle vittorie e soprattutto sulle sconfitte, dove la riflessione è vista come un tradimento, dove chi propone un’analisi è un “gufo” e va pertanto zittito. Non c’è posto per l’Unità dei bei tempi, che non piacerebbe al partito, né per quella di oggi, che non interessa i lettori.

Il povero Sergio Staino, la sua storia, la sua dignità, bruciano nella fornace del renzismo, che non si è fatto scrupoli di usare il mobilio nobile della sinistra come combustibile di basso prezzo per alimentare il fuoco fatuo della propaganda. Le copie del giornale, esangue e scolorito da tempo, hanno vagato per mesi per i circoli del partito, alla ricerca disperata di lettori, ma hanno trovato i cancelli chiusi, le finestre sbarrate, la luce staccata, le bollette non pagate, i microfoni rotti. Le pagine che per quasi cento anni hanno parlato a un popolo non hanno più quel popolo, soppiantato dall’intolleranza neo futurista dei cultori dell’infallibilità renziana, che leggono poco, ma pretendono da chi scrive solo approvazione. Gente che recita ai microfoni dichiarazioni dettate tramite Whatsapp, che acclama il capo e delegittima il dissenziente, gente che non tollera la dialettica e quindi non produce idee.

I cancelli della Leopolda

Struggente per la sua ingenuità l’immagine del direttore Sergio Staino, bloccato lo scorso novembre agli ingressi della stazione Leopolda di Firenze, dove arrivò speranzoso con qualche centinaio di copie del giornale, mentre dentro il Capo parlava alle moltitudini. Fa tenerezza pensare a questa anziana bandiera critica della sinistra, voluta impropriamente direttore, che mette idealmente il fratino dello strillone, in un tentativo impossibile di incontrare i lettori, di aprire un dialogo, di fare banalmente “promozione”. E fa male pensare ai cancelli che si chiudono, ai ragazzi del servizio d’ordine leopoldino che non sanno neanche chi sia, Staino, agli “ordini superiori” che non consentono, alle copie del giornale che restano a inzupparsi nella pioggia, ancora legate e incellofanate. E si prova solidarietà per il direttore, grande vignettista del tempo che fu, che resta lì, a bagnarsi ancora un po’, frustrato e infreddolito, mentre il frastuono delle ovazioni arriva come un’eco lontana dall’interno della stazione.

Oggi Staino affonda dignitosamente con tutta la nave, mentre l’ultimo SOS a Renzi risuona nel vuoto. Le copie invendute vanno al macero, la redazione affronta l’ennesima crisi, si cercano altri soldi, altri imprenditori disposti a rimetterci per tenersi buono l’uomo più potente d’Italia. Il nodo di un giornale che doveva essere l’anima della sinistra viene al pettine di un Partito Democratico che ha perso l’anima. Se non c’è anima non ci sono idee, se non ci sono idee non c’è confronto, e se non c’è confronto non c’è un giornale.

Il racconto di Staino

Eppure i lettori ci sono, sono lì, fra il popolo della sinistra italiana, quello che si aggira smarrito in questi tempi strani, che non ha assorbito la scossa tellurica del renzismo e che si è spaccato in mille pezzi, fuori e dentro il Pd. Sono loro, i potenziali lettori, quelli che cercano le riflessioni di cui hanno bisogno su Repubblica, sul Manifesto, sul Fatto Quotidiano, persino sui blog, su Facebook, su Twitter. Non sull’Unità, che non intercetta il dibattito sul disastro dell’Italicum, sui licenziamenti di Almaviva, sulla batosta delle Amministrative, sul crollo degli iscritti, sulle forzature del Jobs Act, sull’Alitalia, sulla legge Madia.

E fallisce clamorosamente la partita del referendum costituzionale, che lascia dietro di sé macerie fumanti, rancori e voglia di rivalsa, ma non genera analisi né riflessioni fra le colonne vuote del glorioso quotidiano. L’Unità non è più il luogo dove discutere, dove disapprovare abbia la stessa dignità di approvare. Le domande su chi siamo e dove andiamo sono uscite da tempo dalle sue pagine, parcellizzandosi in mille luoghi. I lettori si sono allontanati ormai, sfiduciati, divisi, isolati, arrabbiati. Il loro giornale di un tempo resta lì, abbandonato sul marciapiede, davanti al cancello della Leopolda, battuto dal temporale.