ULTIMI POST

LASCIARE RENZI AL PROPRIO DESTINO E GUARDARE AVANTI 19 novembre 2017 - Quindi, il famoso lanciafiamme di Matteo Renzi, andando a stringere, si è ridotto ad un cerino. L’uomo che doveva spaccare il mondo, rottamare un’intera generazione, asfaltare gli avversari, annichilire i populisti, seppellire le destre, è adesso ridotto a fingere di elemosinare un’alleanza con quelli che prima ha tradito e poi epurato, per poter sfuggire alle proprie responsabilità. … Continua la lettura di LASCIARE RENZI AL PROPRIO DESTINO E GUARDARE AVANTI
PENSAVO FOSSE UN LEADER, INVECE ERA PISAPIA 8 ottobre 2017 - Forse è arrivato il momento di dirlo, con tutta l’amarezza del caso: Giuliano Pisapia, da quando è entrato in scena, ha fatto più danni che altro al nuovo soggetto politico nato per rappresentare gli elettori non renziani del centrosinistra. Incerto, ambiguo, permaloso, silenzioso, inconcludente, “riluttante”, o meglio “renitente”, assente per settimane, salvo poi rifarsi vivo … Continua la lettura di PENSAVO FOSSE UN LEADER, INVECE ERA PISAPIA
IL PICCOLO LIBRO DI UN LEADER INADEGUATO 14 luglio 2017 - Quello che colpisce del libro di Matteo Renzi è la colossale sproporzione fra il ruolo che l’ex presidente del Consiglio ha ricoperto per ben tre anni ed il basso livello del suo scritto. Da chi ha rappresentato l’Italia per tanto tempo nei più alti consessi internazionali, ci si sarebbe aspettati maggiore spessore, maggiore consapevolezza, maggiore … Continua la lettura di IL PICCOLO LIBRO DI UN LEADER INADEGUATO
ADDIO PAOLO VILLAGGIO, OGGI PIANGIAMO E BASTA 3 luglio 2017 - La signorina Silvani, l’invito a cena da Gigi il Troione (“ho già prenotato”), “Pinaaaa!”, Mariangela, i mutandoni ascellari, l’autobus al volo, “Batti lei”, la lavatrice dalla finestra a Capodanno, che piomba sulla Bianchina. E il capo odioso che lo chiama “merdaccia” e i suoi occhi tristi che incrociano lo sguardo in lacrime della moglie, il … Continua la lettura di ADDIO PAOLO VILLAGGIO, OGGI PIANGIAMO E BASTA
#INSIEME, SENZA RENZI 29 giugno 2017 - Il rifiuto di Matteo Renzi di partecipare ad una coalizione di centrosinistra va accolto con rispetto, con rammarico, ma anche, se posso permettermi, con un qualche sollievo. Rispetto, perché Renzi è il segretario del Pd e, se ha deciso di portare il partito a sfracellarsi, perché può farlo, perché ha vinto le primarie, chi siamo … Continua la lettura di #INSIEME, SENZA RENZI
GRANDI 5 giugno 2017 - Che straordinaria lezione ci hanno dato questo ragazzini. Sta finendo il concerto “One Love Manchester”, il televisore manda le ultime immagini di lacrime e di abbracci e la mia generazione si inchina davanti a quella folla di teen-ager coraggiosi che ballano senza ritegno e senza paura nello stadio del cricket della città britannica. Rendiamo merito, … Continua la lettura di GRANDI
L’ARROCCO 1 giugno 2017 - La brutale transizione impressa dal renzismo al Partito Democratico si avvia verso un approdo clamoroso, eppure non del tutto imprevedibile. Dopo il Patto del Nazareno, i cui confini restavano comunque nell’alveo delle intese costituzionali, Matteo Renzi sta traghettando il partito, la sua storia, i suoi elettori, i suoi militanti, verso un accordo elettorale di governo … Continua la lettura di L’ARROCCO
IL RAGGIO VERDE 12 marzo 2017 - E così, anche il Lingotto è caduto. La strategia renziana di occupazione dei luoghi-simbolo del centrosinista ha raggiunto la capanna del presepe del vecchio Partito Democratico, svuotandolo della sua storia, dei suoi personaggi, dei suoi simboli, e riempiendolo di una retorica indigesta, verticistica, leaderista, peronista. Matteo Renzi passeggia impaziente nella vecchia fabbrica torinese, ne calpesta … Continua la lettura di IL RAGGIO VERDE
LE MACERIE DEL PD, IL VOLO DI RENZI, IL RISPETTO, IL “NULLA” 23 febbraio 2017 - Martedì mattina, mentre colonne di fumo nero salivano ancora tumultuose dalle macerie del Partito Democratico, l’aereo con a bordo Matteo Renzi si allontanava verso l’orizzonte, destinazione: California. Dietro di sé, il segretario dimissionario lasciava un partito ferito, una comunità disorientata, un’idea tradita. Ma non doveva essere particolarmente dispiaciuto, anzi. L’ultima carica esplosiva piazzata sotto le fondamenta … Continua la lettura di LE MACERIE DEL PD, IL VOLO DI RENZI, IL RISPETTO, IL “NULLA”
SE RENZI RESTA SEGRETARIO IL PD MUORE 17 febbraio 2017 - Se l’operazione “#RetakePD” non dovesse riuscire, cioè se non si riuscirà ad impedire a Matteo Renzi di confermarsi alla guida del Partito Democratico, la scissione sarà inevitabile. Perché è intuile girarci intorno. Non è una mera questione di date, di convenzioni degli iscritti, di conferenze programmatiche, di congresso. Il problema del Pd, la sua malattia, … Continua la lettura di SE RENZI RESTA SEGRETARIO IL PD MUORE

 


(Visited 209 times, 1 visits today)

Un pensiero su “ULTIMI POST”

  1. finalmente anch’io, ignorante come una “capra” sgarbiana, ho capito qualcosa a proposito del sindaco Marino per il quale ho sempre provato un’istintiva e quindi immotivata stima e simpatia. Grazie dell’articolo di Francesco Luna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

"Scusate, non mi lego a questa schiera"

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.