PD: PERDERE È UMANO, PERSEVERARE È RENZIANO

Auguri a Paolo Gentiloni, ne ha bisogno. Nelle condizioni date, la scelta del suo nome per la guida del nuovo governo va giudicata con cauto ottimismo. Dopo il disastro del referendum, era importante evitare la sconcertante capriola che si stava preparando e che avrebbe permesso al grande sconfitto, Matteo Renzi, di rimanere a palazzo Chigi fino alle elezioni anticipate (dimissionario, o con un bis che il Capo dello Stato avrebbe dovuto chiedergli in ginocchio). Il tentativo c’è stato, ma è andato a vuoto, grazie alla regia silenziosa, ma inflessibile, di un gigante delle istituzioni che risponde al nome di Sergio Mattarella. Il prossimo che penserà di mettersi in tasca questo presidente, silenzioso, ma per nulla ingenuo, è avvertito.

Gentiloni è renziano, molto renziano. Ma non è, a differenza di altri, un miracolato del renzismo. C’era prima, ci sarà dopo. E’ un “burattino”, come lo descrivono le opposizioni? Certamente chi nella notte fra sabato e domenica ha suggerito il suo nome a Mattarella lo considera un prestanome, destinato secondo i piani renziani a tenere calda la sedia di palazzo Chigi in attesa di un improbabile ritorno. Ma non è detto che sia così.

Edoardo Bennato – Burattino Senza Fili – 1977

Gentiloni potrebbe rivelarsi, per dirla con Edoardo Bennato, un “burattino senza fili”, capace di muoversi in autonomia e rispondere solo ai suoi veri datori di lavoro: il popolo italiano, il Parlamento e il presidente della Repubblica.

Le premesse ci sono. L’uomo ha senso dello Stato, è saggio, leale, è un grande tessitore di rapporti, anche internazionali, non è per nulla incline alla rissa, al contrario del premier uscente. Si spera che il suo passaggio, non necessariamente breve, per palazzo Chigi regali al Paese la tregua necessaria per riprendere fiato, dopo un anno ininterrotto di campagne elettorali. E si spera che il Pd e i suoi derivati ne approfittino per rigenerarsi, dopo la devastante avventura renziana.

Il tempo è pochissimo e probabilmente insufficiente. Ma vale la pena tentare. La premessa necessaria è che chi ha lacerato il partito in questi anni stia almeno temporaneamente fuori dai giochi. Per ora, non sembra sia così. Malgrado sia tornato a Pontassieve, infatti, Renzi non appare intenzionato a farsi da parte. Anzi: sembra essersi intestardito nella ricerca di un’ennesima, sanguinosa resa dei conti. Prima di lasciare Roma, il segretario ha umiliato la Direzione del partito soffocando qualsiasi discussione e ha fatto partire la macchina del congresso anticipato, dove intende ricandidarsi per la segreteria e poi ripresentarsi come candidato premier alle elezioni.

Renzi, sconfitto, parla alla Direzione, per poi abbandonarla senza discussione

E’ auspicabile che chi crede ancora nel centrosinistra italiano si ribelli a questa logica autodistruttiva. Le ripetute clamorose sconfitte (elezioni amministrative, referendum) alle quali Renzi ha portato un partito già esangue non possono più restare senza conseguenze. Il conto salatissimo degli errori strategici, tattici, di linea politica che hanno diviso non solo i vertici, ma tutto il popolo di centrosinistra, deve a questo punto essere presentato a chi deve pagarlo.

Se Renzi non vuole dimettersi da segretario, bisogna che sia il resto del partito ad accompagnarlo alla porta, raccogliendo la sfida del congresso, proponendo un’alternativa accettabile e restituendo alla comunità di centrosinistra l’identità perduta. Bisogna che il Pd ritrovi il suo ruolo di rappresentanza delle fasce sociali più emarginate, ignorate e dimenticate, il suo orgoglio riformista e inclusivo, la sua democrazia interna. Poi toccherà al popolo, con le primarie, decretare la fine di questa devastante parentesi, infliggendo a Renzi l’ennesima e speriamo definitiva sconfitta. Forse è tardi, ma si può almeno tentare di evitare di consegnare l’Italia a Grillo, come Renzi stava facendo in modo inesorabile, e come dimostrano Roma e Torino.

Perseverare nella chimera del renzismo, da parte del Pd, sarebbe imperdonabile. Continuare a inseguire la retorica vuota e verticistica, che ha snaturato la casa del centrosinistra, trasformandola in una specie di caserma, sarebbe suicida. Renzi è passato, Renzi è il passato. E’ arrivato il momento per il popolo di centrosinistra di ritrovarsi, di guardarsi negli occhi, di abbracciarsi forte. Chi ha votato Sì e chi ha votato No. E’ tempo di consegnare le armi della guerra civile appena conclusa e ricostruire sulle macerie, insieme, con fiducia, senza paura. L’alternativa è seguire Renzi nel baratro.

(Visited 2.588 times, 1 visits today)

6 pensieri su “PD: PERDERE È UMANO, PERSEVERARE È RENZIANO”

  1. Condivido.
    Riflessione: le primarie aperte a tutti possono falsare il risultato,
    come è capitato recentemente in Francia. E come forse è gia’
    capitato anche da noi…….
    Primarie solo per gli iscritti.

  2. ARTICOLO PALESAMENTE REALE PRIMO ERRORE ELEZIONE DEL SEGRETARIO NON SOLO DAGL’ISCRITTI.SECONDO ERRORE MANTENERE LE 2 CARICHE .CI MANCAVA CHE SI FACCESSE ELEGERE CAPO DELLO STATO COSI AVREBBE FATTO IL 3 PER 2…LA SUA TRACOTANZA LO HA PORTATO A CONNETTERE ERRORI GRAVISSIMI 1)SESTO FIORENTINO 7 CONSIGLIERI SFIDUCIANO LA SINDACA LUI LO CACCIA FUORI RISULATO GLI CONSEGNA LE CHIAVI DEL COMUNE…ROMA E LUI CHE FA DIMETTERE I CONSGLIERI RISULTATO CONSEGNA LA CAPITALE SUL PIATTO D’ORO AI GRILLINI..NAPOLI STRINGE ACCORDI CO IL PLURIPREGIUDICATO VERDINI NON VA NEMMENO AL BALLOTTAGGIO TORINO È LA LOGICA CONSEGNENZA.AL BALLOTTAGGIO 19 COMUNI SU VENTI SI PERDONO A MILANO GRAZIE ALL’ACCORDO CON I RADICALI .SE NO SI PERDEVA ANCHE QUELLO .IL TERREMOTO DEL REFERENDUM E SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI .LA NOSTRA GENTE CI HÀ VOLTATO LE SPALLE.I GRILLINI PER ME INCOPETENTI STANNO FERMI AD ASPETTARE SENZA FATICA PER RACCOGLIERE I FRUTTI .SI VUOLE CONTINUARE ??????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *