IL RAGGIO VERDE

E così, anche il Lingotto è caduto. La strategia renziana di occupazione dei luoghi-simbolo del centrosinista ha raggiunto la capanna del presepe del vecchio Partito Democratico, svuotandolo della sua storia, dei suoi personaggi, dei suoi simboli, e riempiendolo di una retorica indigesta, verticistica, leaderista, peronista. Matteo Renzi passeggia impaziente nella vecchia fabbrica torinese, ne calpesta il suolo, come un piccolo Napoleone un po’ imbolsito, che entra a Notre-Dame per incoronarsi in fretta da solo.

Al seguito del capo, le truppe della Leopolda accorrono esaltate, eccitate, dopo aver varcato strombazzando i confini toscani e aver attraversato in auto, in treno e in pullman le Langhe e il Monferrato, decisi a recitare a Torino lo stesso copione messo in scena negli ultimi anni nella stazione fiorentina: tavoli di discussione di cui pochi ricorderanno gli argomenti, brevi interventi dal palco che pochi ascolteranno. E poi la vera ragione per cui tutti accorrono: l’apoteosi del leader, la capriola nel fuoco del fenomeno, la zampata di “quello che ci fa vincere” (ma che di solito perde) l’ovazione.

Il palco del Lingotto

Il Lingotto si arrende al renzismo senza opporre resistenza, ormai abbandonato, privo di forza, di significato, di senso. Era il luogo dove erano miracolosamente e faticosamente confluite le anime dell’identità riformista italiana, oggi è la casa buia e asfittica dove si torna dopo il divorzio, dove si rimpiange quello che avrebbe potuto essere e non è stato, dove si respira l’assenza di chi se n’è andato. Sotto le volte della vecchia fabbrica si avverte forte la prevaricazione culturale del renzismo, le smargiassate di chi ha prevalso sull’altro, gli effetti dell’Opa ostile andata in porto.

La folla adorante si accalca nel ventre vuoto di quella che una volta era la casa di tutti e oggi è la casa di chi ha cacciato via gli altri. “Fuori, fuori!” avevano gridato in novembre a Firenze. E fuori quelli della minoranza sono andati. La panoramica sulla platea mostra un popolo meno eterogeneo di una volta, con una prevalenza di boy-scout troppo cresciuti insieme a signore di mezza età affascinate dal leader. Più qualche ex di sinistra convertito al renzismo, convinto un po’ per opportunismo, un po’ per comodità, a recidere le proprie radici culturali e ad affidare le proprie idee al funambolismo del nuovo capo. Come se fosse possibile, delegando tutto al vertice, bypassare il percorso doloroso e faticoso che porta alla costruzione di un pensiero politico complesso. Come se fosse sufficiente sostituire alla sintesi il leader, per evitare la fatica del dubbio, del confronto.

Della sconfitta al referendum non resta che qualche frase di circostanza, di convenienza, mandata a memoria per evitare l’analisi e trarne ne conseguenze. Il capo ha ammesso tutt’al più qualche errore di comunicazione sui social network, francamente poco per spiegare la disfatta. Ma ai leopoldini di Torino sembra bastare. “La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”, diceva Albert Einstein. Ma il Lingotto leopoldizzato sfida con leggerezza anche l’avvertimento del grande fisico: chi sarà mai, in fondo, questo Einstein?

Albert Einstein

Dai vidiwall della vecchia fabbrica esce, come un raggio paralizzante, il verde renziano, che ipnotizza i presenti, buca gli schermi, martella il pubblico in sala senza sosta. Dagli altoparlanti, con pochissime differenze, si ripetono gli stessi slogan degli inizi, quando sembrava che, dietro agli slogan, ci fosse anche altro. Il verde tracima impetuoso da ogni muro, annulla il rosso, lo sostituisce persino nel simbolo del Pd, rompendone l’equilibrio cromatico, mandando un chiaro messaggio subliminale. Il rosso, colore caldo, della passione, del sangue, ma anche della storia della sinistra, sparisce, sostituito dal verde giallognolo della melassa renziana, che invade ogni spazio, allaga ogni area, tinge ogni angolo, si riflette nei volti e negli occhi dei supporter, rendendoli irriconoscibili: un’indistinguibile “carica dei verdini”.

A livello di comunità, vista da fuori, la sensazione è quella di un corpo mutilato, devitalizzato, incapace di muoversi e crescere autonomamente, privato dell’energia vitale che lo aveva fatto vivere. Un corpaccione inerte, trainato a forza dal renzismo, dal Giglio magico, dal gruppo di potere toscano che dalla sopravvivenza politica del capo dipende interamente. Un corpo a cui sono stati espiantati gli organi, a cui è stato tolto il sangue, e che la cura leopoldista tenta ora magicamente di rianimare impiantando organi e sangue diversi. Si erge dal palco del Lingotto un Frankenstein dall’inquietante colorito verdognolo, che prende vita e forma solo quando dal palco parla il leader, che divora voracemente il luogo, il logo, i simboli del patrimonio della sinistra: il termine “compagno”, Gramsci, persino Robert Kennedy, e quindi Veltroni.

Maria Elena Boschi

Il risultato di questo pasticcio suona falso, posticcio, innaturale. La performance renziana stride, come una musica suonata nel contesto sbagliato, una melodia infantile che profana la sacralità di un posto, caro più ai tanti che non ci sono che a quelli che oggi vi bivaccano. Lui, il leader, si crogiola nell’applauso dei tifosi, a cui basta vederlo eseguire i colpi del vecchio repertorio per scaldarsi. Promette di “passare dall’io al noi”, ma non è sincero, né potrebbe esserlo. Renzi è antropologicamente la persona meno indicata al mondo per passare dall’io al noi. Renzi è la sublimazione dell’”io”, dell’ego come dottrina politica. Il “noi” di Renzi è un plurale maiestatis, è il Giglio magico, è una nuova autoproclamazione.

Emma Bonino

La tre giorni torinese passa in un batter di ciglia. Renzi porta a casa la kermesse, i selfie, le figurine come Emma Bonino, che gli regala la foto ricordo. Non rinuncia, come fa spesso in questi giorni, ad evocare complotti: “Qualcuno ha cercato di distruggere il Pd”, grida, senza pensare che quel qualcuno potrebbe essere proprio chi sta parlando dal palco. E senza ammettere che il lavoro, in fin dei conti, gli stia riuscendo bene. Il Pd non c’è più, c’è un presepe abitato da una persona sola e dai suoi fans, che continua a dire che non è successo niente, che bisogna “ripartire insieme”. Ma insieme a chi? Nel Pd sono rimasti praticamente solo i renziani, della prima ora o dell’ultima. I suoi contendenti al congresso, Andrea Orlando e Michele Emiliano, sembrano destinati al ruolo di sparring partner, obbligati poi a sostenere il vincitore annunciato e quindi a diventare renziani anche loro. Non c’è scampo al renzismo nel Pd.

Roberto Speranza e Giuliano Pisapia

L’unica speranza per chi non si rassegna al renzismo, al populismo e all’astensione è cercare aria fresca fuori, seguire il movimento ancora confuso e magmatico di un centrosinistra che cerca di riorganizzarsi altrove. C’è vita nella galassia del centrosinistra? Chissà. Lo sgretolamento del Pd, combinato con altre forze, ha prodotto in queste settimane un nuovo sistema solare che deve ancora stabilizzarsi, trovare equilibrio, fiducia reciproca e in se stessi. Qualcosa si muove,  la sensazione non è quella di un Big Bang, ma di un processo graduale destinato ad intensificarsi dopo il 30 aprile. La speranza è che si crei uno spazio, dove si possa dare appuntamento chi se ne sta andando, chi se n’è già andato e chi se ne andrà. Ognuno con la propria storia, con il proprio progetto. Per ritrovarsi, riconoscersi, rispettarsi, ricominciare a costruire qualcosa che appartenga a tutti, ma non sia di nessuno. Com’era una volta il Partito Democratico. Prima di perdersi, prima di trasformarsi in un’altra cosa. Prima che lo colpisse il raggio verde renziano.

(Visited 4.272 times, 1 visits today)

10 pensieri su “IL RAGGIO VERDE”

  1. Agghiacciante. Vero. Come si è potuti arrivare a questa mostruosità? Ora servono risposte, senza le quali qualunque proposta sarà priva di senso.

  2. “Era il luogo dove erano faticosamente e miracolosamente confluite le anime dell’identità riformista italiana”.

    Appunto. E fu proprio da quel confluire che vennero gettai i semi del renzismo.

    Un’altra responsabilità di cui i “riformisti” farebbero bene farsi carico, al fine di mandare finalmente nel luogo della nullità semantica la “r-word” e derivati.

  3. Scusa Francesco ma non ho capito ” il selfie Bonino”. Era stata invitata e manco da Renzi, applaudita e sembra poi smentita dalla Serracchiani che ha preso altrettanti consensi dicendo l’esatto contrario della Bonino. E un popolo strano quello che segue Matteo

    1. Non credo che la Bonino sia stata invitata senza l’approvazione di Renzi. Al quale serviva la foto, per dare spessore alla convention. Credo avrebbe fatto meglio a non andare, ma a Emma si perdona tutto.

  4. Sì, Matteo Renzi sarà tutto quello che volete: poi, quando avrete consegnato il Paese a Grillo ed a Salvini, ve ne pentirete, ma sarà troppo tardi. Quando il populismo avrà trascinato l’Italia prima fuori dall’euro e poi dall’Europa, ve ne accorgerete. Berlusconi ce lo siamo tenuti per un ventennio!
    Vincenzo Francaviglia, Lisbona

    1. Caro Vincenzo, temo che il Paese a Grillo lo stia consegnando proprio Renzi. Proprio come ha fatto con Roma. Un saluto.

  5. Non solo il paese viene consegnato a Grillo (o peggio) proprio da Renzi. Va anche ricordato che Renzi è “el populista supremo” di questi tempi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *